L’imbiancatura del bagno con l’idropittura termoisolante perchè sceglierla

 

 

imbiancatura Milano

A volte può essere utile applicare sulle pareti della casa una imbiancatura termoisolante. Vi sono alcune condizioni ambientali che possono favorire il fenomeno della condensa. Questa si verifica in spazi molto umidi. In genere, le stanze più a rischio sono la cucina e il bagno poiché sono quelle in cui si produce vapore acqueo.

La condensa in bagno può comparire perché, ad esempio, si tratta di pareti esposte a nord oppure che vedono la presenza di angoli freddi o che hanno ponti termici. Sicuramente poi in bagno si crea la situazione perfetta per produrre umidità, data la formazione di vapore acqueo causato dalla differenza di temperatura interna ed esterna. La condensa sulle pareti crea non pochi danni all’ambiente. Essa infatti danneggia le finiture e può determinare il distacco della pittura già presente. Inoltre possono crearsi muffe e portare l’ambiente a diventare insalubre, potenzialmente carico di allergeni. Contro tutto questo, si può utilizzare proprio l’imbiancatura termoisolante. Vediamo di cosa si tratta.

Essa è una particolare pittura termica, composta da microsfere in ceramica e resine. Tali elementi conferiscono alla pittura una capacità di isolamento e di riflesso dei raggi infrarossi, migliorando quindi la conduttività delle pareti. Il vapore …

Cose da sapere prima dell’acquisto dei serramenti Milano

serramenti

Se dovete acquistare dei serramenti nuovi a Milano per la vostra casa o sostituire quelli vecchi, questa breve guida realizzata dagli esperti di Serramenti Milano può esservi di grande aiuto. Iniziamo a vedere come scegliere i vetri delle finestre.

Per avere degli infissi adeguati e una buona coibentazione della propria casa è necessario scegliere con attenzione gli elementi da installare, verificando sia i materiali che i vetri. Entrambi devono garantire l’isolamento termico e acustico e la riduzione dei consumi grazie alle loro determinate proprietà.

Per quanto riguarda i vetri nella maggior parte dei casi si opta per un vetrocamera, costituito da due lastre di vetro posizionate a una certa distanza l’una dall’altra. Lo spazio creatosi è chiamato camera e viene riempito con gas appositi per aumentare il grado si isolamento termico. In genere si usa l’argon, lo xeno oppure il kripton. Inoltre le lastre che compongono il vetrocamera sono sigillate e unite perimetralmente da una speciale canalina.

Prestazioni migliori si ottengono con il cosiddetto triplo vetro, formato da due vetrocamere unite insieme. In base al processo di lavorazione i vetro possono avere specifiche proprietà. Ad esempio possono essere fonoassorbenti, riflettenti al calore, antieffrazione o basso emissivi. Questi ultimi limitano la …