Cosa cambia con il GDPR negli stati europei

GDPR

Il 27 aprile 2016, il Parlamento Europeo ha adottato il regolamento dell’Unione Europea n. 2016/679 con le misure introdotte dal GDPR General Data Protection Regulation, ossia una sorta di nuova regolamentazione in materia di protezione dei dati.

Nonostante esso sia entrato in vigore nel 2016, però, inizierà ad avere efficacia solo a partire dal 25 maggio 2018 e sarà attuato all’interno della Comunità Europea attraverso disposizioni obbligatorie e vincolanti sia per gli Enti Pubblici che per i privati. Questa dilazione di tempo, tra la data dell’entrata in vigore e quella attuativa, è stata prevista affinché gli Stati membri avessero il tempo sufficiente per riuscire ad allineare le disposizioni nazionali che regolamentano la protezione dei dati personali con quelle europee.

In linea generale, secondo l’art.1 par.2, il GDPR “…protegge i diritti e le libertà fondamentali delle persone fisiche, in particolare il diritto alla protezione dei dati personali” e, quindi, alla libera circolazione degli stessi sul territorio UE. La richiesta di tale disposizione è stata valutata a seguito dei numerosi cambiamenti che si sono avuti, soprattutto a livello tecnologico, sulla corretta gestione e sulla sicurezza della privacy.

Si tratta, dunque, di un importante regolamento che nasce da specifiche esigenze di certezza …